Locomotive elettriche E428

Gli anni Trenta segnarono l'inizio della massiccia elettrificazione in corrente continua della nostra rete ferroviaria. Le locomotive elettriche dell'epoca, spartane e robuste, avrebbero costituito il nerbo del parco macchine delle FS nei decenni successivi.

Le locomotive del gruppo E428 erano il fiore all'occhiello delle FS ai tempi del Fascismo. Queste macchine avevano una potenza di 3700 cavalli e raggiungevano i 130 all'ora, velocità molto alta per l'epoca. Sono a tutt'oggi le locomotive elettriche più grandi e pesanti mai usate dalle FS.

Il porte Aperte del 2011 ha offerto l'opportunità più unica che rara di ammirare tutte e tre le E428 allora funzionanti: due della prima serie (014, 058) ed una di terza (226). In quel momento infatti non era stato ancora ultimato il restauro della E428.202 ad opera delle OGR di Verona.

Il muso austero della E428.014.

La E428.058, esemplare di prima serie.

Particolare di una asse motorizzato della E428.058. Ogni asse era azionato da due motori, che trasmettevano il moto mediante ingranaggi ad un albero cavo (il cerchio scuro che si intravvede dietro i raggi della ruota). Sono ben visibili tre dei sei tamponi in gomma che collegavano l'asse cavo alla ruota, garantendo la necessaria elasticità della trasmissione.

La E428.226 appartenente terza serie. Gli avancorpi che caratterizzavano la prima serie sono sostituiti da un profilo aerodinamico. Da notare anche il carrello portante, sostituito negli anni Sessanta con uno più moderno.

Copyright © 1998-2013 Delta November