Locomotive a vapore

Il porte aperte 2011 si รจ tenuto come di consueto sul piazzale della ex Squadra Rialzo di La Spezia, sede della sezione ferroviaria del Museo Nazionale dei Trasporti.

Moltissimi i mezzi esposti, con una forte preponderanza di locomotive elettriche. Non mancavano però esemplari notevoli di locomotive a vapore, tra cui la 743.301.

La linea inconfondibile della 743.301 del MNT. Sul fianco si nota uno dei due pre-riscaldatori Franco-Crosti. Questi dispositivi sfruttavano il calore residuo dei gas di scarico per riscaldare l'acqua a monte della caldaia, migliorando efficienza termodinamica della macchina.

Come si evince dalla targa sul duomo, la 743.301 venne costruita dalla famosa fabbrica Nicola Romeo di Saronno, che sarebbe successivamente confluita nell'Alfa Romeo. La locomotiva apparteneva originariamente al gruppo 740, privo di pre-riscaldatori; questi ultimi vennero installati a partire dagli anni trenta.

Altrettanto interessante la presenza della 940.050, purtroppo esposta in rimessa e quindi un po' meno fotografabile. La 940.050 è una locotender, ossia una macchina a vapore in cui le riserve d'acqua e di carbone sono trasportate dalla locomotiva stessa anziché da un apposito tender. In questo modo era possibile rendere la macchina reversibile, ossia in grado di marciare indifferentemente avanti o indietro.

La 940.050. Sul fianco spiccano le grosse casse d'acqua; da notare anche l'asse portante posteriore, che rende il rodiggio simmetrico e consente una perfetta bidirezionalità.

A completare la panoramica sulle macchine a vapore, la piccola 835.053 e una ancor più piccola locomotiva da manovra Krauss in restauro.

La piccola locotender 835.053. Sullo sfondo si nota l'automotore Deutz 4705.

Schema della locomotiva Krauss 6240.

Copyright © 1998-2013 Delta November