Le veterane

Ma il cuore dell'evento è la rotonda dell'officina piccola, sui cui binari trovano posto un numero inimmaginabile di locomotive storiche, che testimoniano l'evoluzione di questo mezzo dagli anni Venti ad oggi.

Foto di gruppo per alcune delle loco storiche in rotonda. Da sinistra a destra: E626.443, E626.225, E636.002, E626.294, E428.014 e l'elettromotrice "Varesina" E623.629.

Oltre a queste erano presenti anche le E636.164, E636.265, E645.104, E636.243, E444.001, D143.3021 (sulla sinistra) nonché le E645.090 e E424.005 (sulla destra).

Parlando appunto di locomotive degli anni Venti, sulla rotonda di Smistamento è possibile ammirare tre E626, tutte perfettamente funzionanti: le 225 e 443 di Tirano, e la 294 di La Spezia, restaurata dai volontari dell'Associazione Treni Storici Liguria.

L'inconfondibile muso della E428.014, una delle due E428 di prima serie preservate.

A rappresentare la prima generazione di locomotive a 3000V c'è anche la maestosa E428.014, appartenente alla prima serie di questo numeroso gruppo. La macchina è in carico al Deposito Rotabili Storici di Pistoia.

Delle locomotive E636 si è già detto. Sulla rotonda se ne potevano ammirare addirittura quattro, tutte nella tradizionale livrea castano - isabella. Tra queste c'era il più vecchio esemplare preservato, lo 002 del deposito di Torino Smistamento, mantenuto dal "FerAlp Team" di Bussoleno; la 164 di Tirano, la 243 di Cremona e infine la 265 di La Spezia.

Copyright © 1998-2013 Delta November